Informazioni
Progetto “Don Rodolfo Cherubini”
Ufficio Sostegno a Distanza
Piazza di Montenero, 9
57128 Montenero – Livorno (Italia)
Tel e Whatsapp 338 / 81 57 012
email: info[@]adozioniadistanza.it
Orari:
Lun. / Merc. / Ven. 9.00 – 13.00

Aggiornamento covid da Cangandala Angola

Bambini per strada a Cangandala

Sono Samuel Zacarias Simão Cassule, salesiano di Don Bosco, ex studente della Scuola francescana Buon Pastore di Kangandala. Ho studiato tutta la mia istruzione elementare nella stessa scuola. È una scuola che da anni aiuta molto nell’educazione di bambini e adolescenti a Malange, specialmente a Kangandala. Oggi mi sento onorato di aver studiato in quella scuola, devo solo ringraziare le persone che per il loro instancabile sforzo hanno reso possibile l’impossibile accadere nel nostro comune, dando una buona qualità dell’istruzione ai cittadini. I miei ringraziamenti!”

Ora voglio illustrare in pochi paragrafi la situazione della popolazione angolana e le sfide che ha dovuto affrontare.

Stiamo attraversando un periodo difficile in tutto il mondo. La parola più parlata e spiegata è covid-19 (virus corona). Tutto è cambiato così in fretta che non abbiamo nemmeno visto il momento in cui abbiamo dovuto iniziare a indossare le maschere.

In questo contesto, condivido un po ‘la nostra situazione in Angola, di fronte alla pandemia del virus corona. Al momento abbiamo 166 casi positivi di infezione da covid-19, principalmente nella provincia di Luanda, che è la più colpita dalla pandemia.

Per comprendere meglio la situazione sociale del paese, è necessario esaminare la realtà delle persone. Quello che vedi sono le famiglie che vivono nella miseria e in una costante lotta per trovare cibo, tutto è diventato così difficile dopo l’implementazione di uno stato di emergenza. Per avere un’idea della difficoltà dello stato di emergenza in Angola, è necessario avere un’idea delle famiglie angolane e di come erano prima di questo decreto. «Le famiglie angolane, per la maggior parte, sono composte da più di otto persone, conducono una vita povera o vivono in totale povertà, dove non c’è salute, l’istruzione accademica è precaria, l’occupazione è una lotta costante, i servizi igienico-sanitari di base non funzionano , i bambini vengono costantemente abbandonati nella spazzatura, i pediatri registrano la morte di oltre 100 bambini al giorno. Le persone muoiono di fame, altre senza alloggio, molte che vivono in condizioni rischiose ».

Con la pandemia la situazione sociale del paese è peggiorata, la povertà e la miseria sono aumentate tra la popolazione, i decessi causati da altre malattie sono aumentati, parlo di Malaria, Malaria e febbre tifoide. Sembrano essere malattie reversibili che il mondo ha già risolto, ma in Angola è ancora un grave problema che non è stato superato, sono lieta di dire che attualmente stiamo lottando con il virus della corona e le malattie che ho citato in precedenza. E le morti causate quotidianamente da queste malattie superano persino il numero di morti per covid-19. In effetti, il problema sociale in Angola, parte della base. Ci mancano molti mezzi materiali per combattere le situazioni che il covid porta.

Nella provincia di Malange, specialmente a Kanganganda, la situazione non è diversa. Con lo stato di quarantena tutto chiuso. E la cosa più disperata è che la popolazione è a casa, non sapendo cosa mangeranno oggi. Sfortunatamente, la fame affligge Kangandala.

Molte famiglie sono andate nei villaggi più distanti per proteggersi con i bambini perché sanno di essere vulnerabili e che non è possibile curarsi in caso di contaminazione da parte del Covid 19.

È difficile descrivere cosa succederebbe se il Covid 19 si diffondesse in Angola, Malange, Kangandala. Come è successo in altri paesi. Dal momento che le persone non hanno accesso ad acqua, elettricità e assistenza sanitaria in condizioni. Anche così, la malaria (malaria) ha ucciso molte persone, in particolare i bambini, che sono i più sensibili e fragili.

Cosa fare di fronte a questa realtà stimolante?

Credo che il primo sia non perdere la speranza. Tutto passa. In questo periodo di pandemia dobbiamo imparare che il miglior rimedio è stare a casa e il secondo è essere solidali con coloro che soffrono di più.

 

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati trattano dati personali (es. dati di navigazione o indirizzi IP) e fanno uso di cookie o altri identificatori necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie o altri identificatori chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo. Maggiori informazioni